I formaggi
Piccola pezzatura (350 grammi circa) di tradizione francese, in forma tonda o quadrata, dal gusto acidulo ed aromatico
Piccola pezzatura (250 grammi circa) di tradizione francese, in forma tonda, con l'aggiunta di varie erbe o spezie (santoreggia, dragoncello, papavero, mix piccante, erba cipollina, ecc..)
Derivata dal caprino classico, si presenta particolarmente cremosa e con un gusto marcato di latte; dopo 20-30 giorni di affinamento diviene molto aromatica senza perdere il gusto dolce (bianca o con erbe/spezie)
Il caprino fresco si evolve nei formaggi a crosta fiorita, più asciutti, dolci, non piccanti, dove le muffe nobili della crosta (eduli) conferiscono il tipico gusto aromatico del formaggio fiorito
Prodotta dal siero della lavorazione classica senza aggiunta di latte. Vellutata e cremosa con marcato sapore di capra, in vaschette da 250g circa
Lavorazione tipo pecorino, a latte dolce. Pezzatura dal kg in su, forma cilindrica, crosta non lavata bianca-grigia. Affinamento minimo 30 giorno, pasta bianchissima, occhiatura fine
In base all'estro delle casare, durante l'anno avrete modo di assaggiare i nostri esperimenti caseari
Lavorazione tipo taleggio a latte dolce. Di forma quadrata, pasta morbida e saporita. Da mangiare fresco (45 giorni) o stagionato.
come si fa il formaggio
Il latte viene munto, filtrato e lasciato a cagliare a temperatura ambiente per 24-48 ore con poco caglio animale (a volte vegetale) e del siero del giorno prima (siero innesto).



Una volta che la cagliata è pronta viene messa in forme e salata a secco. Per una piccola parte della produzione otteniamo delle cagliate presamiche dopo aver portato il latte a 36 gradi.